Il campionato invernale di Vela fa tappa a Tropea

Alcune delle imbarcazioni partecipanti alla regata intorno al suggestivo Scoglio dell'Isola

Alcune delle imbarcazioni partecipanti alla regata intorno al suggestivo Scoglio dell’Isola

Nelle limpide acque del mare di Tropea, in una serena Domenica 16 Marzo, si sta svolgendo la tappa tropeana, seconda prova della seconda manche del Campionato invernale 2013-2014  organizzato da dieci anni dal Circolo velico “Santa Venere”di cui è presidente  Gianfranco Manfrida. Questa competizione, ormai entrata a far parte della storia del territorio e molto attesa da tutti gli appassionati, è stata organizzata con il patrocinio del Coni e della Federazione Italiana Vela e in collaborazione con i Circoli Velici Reggini. Le regate previste dal programma si svolgono tutte tra i porti di Vibo Marina e Tropea. La gara odierna rappresenta una particolarità per il torneo: infatti, al termine della competizione verrà assegnato il prestigioso Trofeo challenge “Città di Tropea”, giunto alla terza edizione.  Questo importante riconoscimento, legato al nome della cittadina “Perla della Calabria”, è stato vinto negli anni precedenti dalle imbarcazioni  “Hakuna Matata”  e  “Profilo” e verrà assegnato definitivamente a chi  si aggiudicherà la vittoria per tre edizioni. Le barche sono partite dal  Porto turistico intorno alle 10 e 15 per compiere i giri previsti dal bando di regata e fare ritorno nel pomeriggio al molo dove resteranno ormeggiate in vista di un’altra tappa, che si svolgerà nelle acque della stessa cittadina, prevista per il 30 Marzo. Il Campionato invernale si concluderà il 13 Aprile nel Porto di Vibo Marina. Ma dopo queste tappe Tropea non smetterà di essere protagonista con le sue bellezze e farà da cornice ad un importantissimo evento velistico. Infatti, il presidente del Circolo velico “Santa Venere”, Gianfranco Manfrida, ha comunicato: «Si svolgerà tra il 27 e il 29 Giugno un evento molto importante per la Calabria e per il nostro circolo. Per la prima volta il nostro territorio, le nostre acque ospiteranno una regata di caratura nazionale, la “Rotta dei Ciclopi”, una delle tappe del Campionato italiano di Vela d’altura. Le imbarcazioni partiranno da Vibo Marina, faranno il Giro delle Eolie e concluderanno la regata a Tropea. Sarà un evento molto importante per le due cittadine calabresi ospitanti e la cerimonia di premiazione sarà emozionante e suggestiva».

 Francesco Apriceno

Annunci

Ricadinforma Gennaio-Febbraio 2014

In questo numero: 

  • Intervista a Paolo Paglianiti,  giovane studente insignito del premio “Alfiere del lavoro”
  • Recupero e valorizzazione ex stazione di vedetta CapoVaticano
  • Analisi sull’andamento della raccolta differenziata nel 2013
  • Intervista alla dott.ssa Maria Grazia Arena sulla nuova Biblioteca Comunale
  • Alla scoperta del sito web del Comune e delle sue funzioni utili per il cittadino

…e tanto altro, tra cui rubriche su salute, economia, integrazione, religione.

ricadinforma gennaio - febbraio 2014 blog

Anno 1- n.1, Gennaio-Febbraio 2014

Sfoglialo online


Danneggiato il campo sportivo di Capo Vaticano

calcio-a-5

Ignoti nella notte di Mercoledì hanno commesso un atto vandalico nella struttura sita in località “Masa” nel comune di Ricadi, utilizzata dalla scuola calcio locale. I vandali hanno sferrato una serie di colpi che hanno seriamente danneggiato il contatore dell’impianto di illuminazione elettrica del campo sportivo “Don Bosco”, mandando così in tilt i fari che illuminano il campo da gioco.

Il vile gesto finisce purtroppo per colpire  i bambini iscritti alla scuola calcio che usufruiscono di questa struttura, l’unica in tutto il comprensorio ad ospitare questo tipo di attività.

Ad accorgersi della manomissione effettuata dai vandali è stata una squadra di tecnici dell’Enel che è prontamente intervenuta per effettuare la riparazione del danno, dopo aver segnalato immediatamente il fatto alla vicina Stazione dei Carabinieri di Spilinga.

Di fronte a questi atti non c’è ovviamente da ricercare alcun senso, ma c’è solo da augurarsi che non si ripetano più simili episodi di ridicolo autolesionismo in un territorio che già soffre della carenza di strutture  e di servizi per gli sportivi appassionati, grandi e piccoli.